Eco-Boards ITALIA


Vai ai contenuti

partizioni interne.

Eco-Boards .... dove? > Eco-Board nell'edilizia

IMPIEGHIAMO IL PANELLO ECO-BOARDS NELLE PARTIZIONI INTERNE.

In questa sezione verrà trattata la possibilità di costruire autonomamente una parete divisoria capace di dividere un locale grande in altri più piccoli, in modo da distribuire meglio gli spazi della nostra abitazione.

Questa soluzione potrebbe servire anche per ricavare un armadio a muro in una stanza da letto molto spaziosa.

Costruiremo il nostro tramezzo incominciando dallo scheletro (in metallo oppure in legno) e rivestendolo con dei pannelli
Eco-Boards.

Soluzione che ci preserverà dalla posa dell' intonaco; basterà infatti stuccare e pitturare il tramezzo per avere la nostra parete finita.

MATERIALI DA PREPARARE

Per prima cosa bisognerà procurarsi delle traverse per la struttura:

  • in metallo, quelli più comuni sono guide e montanti con misura
  • in legno grezzo di sezione adeguata, si consigliano almeno quelli di 10x5 cm.


Naturalmente si devono acquistare dei pannelli
Eco-Boards., reperibili in una gamma di spessori e misure.

Conservarli inclinandoli sempre di taglio contro una parete uno contro l'altro.

Molto importante sarà l'uso di una fune gessata retrattile, vale a dire una corda imbevuta di polvere colorata all'interno di un involucro.

Non devono mancare chiodi da carpentiere da 10 cm per il fissaggio dei montanti in legno e quelli speciali per il cartongesso di lunghezza adeguata allo spessore dei pannelli.

INCHIODARE LA STRUTTURA

Ricordiamo i vari metodi per i fissaggi dei montanti ai traversi in legno.

Come si vede dall'immagine, si potrà scegliere l'inchiodatura ad obliquo, a giunto rinforzato o a giunto a canale.

Inoltre bisogna munirsi di:

# una sega o di una taglierina per il taglio dei listelli in legno e dei pannelli in gesso;

# tasselli ad espansione per il fissaggio dei traversi;

# una livella e di un filo a piombo.

TRACCIAMENTO DELLO SCHELETRO

Una volta identificata la posizione per la parete divisoria, e tracciate le linee guida sulle pareti laterali e sul soffitto con la fune gessata, si riporterà sul pavimento una traversa di legno segnando sulla stessa le posizioni ( interasse dai 40 a 60 cm ) dei montanti verticali.

Ricordarsi di tracciare il vano porta che dovrà essere di larghezza superiore all'apertura della stessa, e di una misura doppia rispetto allo spessore del telaio.

Lasciare comunque anche uno spazio superiore a 0,5 centimetri di gioco tra il telaio e i montanti.

FISSAGGIO E MONTAGGIO SCHELETRO

Una volta fissata la traversa al pavimento si procede allo stesso modo con quella a soffitto che andrà puntellata con tasselli ad espansione.

Verificare con una livella o con un filo a piombo che il traverso a soffitto sia sulla stessa verticale di quello a pavimento.

Misurare l'altezza tra i due montanti e tagliare a misura due traverse che dovranno essere inserite a forza sulle due pareti laterali e fissate anch'esse con tasselli ad espansione.

Tagliere il montante a pavimento, dove abbiamo previsto il vano porta e fissare due traverse verticali ai lati del vano porta, fermandole con i chiodi da carpentiere.

Si potrà ora rinforzare il vano di passaggio con una traversa orizzontale che andrà posizionata ad altezza pari agli altri vani più il doppio dello spessore del telaio della porta.

FISSAGGIO DEI MONTANTI E DEI RINFORZI

Preparare gli altri montanti verticali e fissarli nei punti segnati sulla base con sistemi di fissaggio indicati precedentemente.

Per i giunti a canali bisogna prevedere i tagli sulla base della traversa a pavimento dove andranno inseriti i montanti verticali sempre però inchiodati ad obliquo.

Una volta montati tutti i verticali si passerà ai rinforzi orizzontali che dovranno essere tagliati a misura e inseriti tra i montanti, inchiodandoli in obliquo sul terminale e in testa su quelli successivi.

POSA DEL CARTONGESSO

Ora che lo scheletro della nostra parete è completo si può scegliere di montare il cartongesso in orizzontale o in verticale.

Il metodo orizzontale è quello maggiormente diffuso anche perché è quello più economico.

In questo caso si posano i pannelli iniziando dal soffitto sfalsando i giunti nei successivi e nascondendo il bordo del pannello a pavimento con il battiscopa.

Per la posa in verticale si inizia il montaggio iniziando dal primo pannello a filo del vano porta e continuando con gli altri verso le pareti.

Se una delle pareti è irregolare o se uno dei bordi del pannello non cade sull'asse del montante in legno sottostante bisogna rifilare il pannello stesso in modo che combaci con la parete e con la traversa.

Conclusa la fase di costruzione della parete, basterà rifinire il cartongesso con la stuccatura dei giunti, argomento di discussione, questo, che verrà trattato nelle prossime discussioni.




Torna ai contenuti | Torna al menu